.
Annunci online

  RadioLondra [ Fatti & MisFatti ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


Ansa
Internazionale
Euronews
Per farsi 2 risate

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


31 agosto 2004

Morire per le discariche

Una pubblicazione su "The Lancet Oncology" pubblica uno studio di Alfredo Mazza ricercatore del Cnr. Riferisce che tra i comuni di Nola e Acerra il cancro uccide di più, datosi che in esse vengono riversate una marea di rifiuti tossici; la guerra dei rifiuti che sta sconvolgendo l'hinterland napoletano sbarca su "Lancet", rivista scientifica tra le prime nel mondo che nella sezione dedicata all'oncologia definisce i paesi di Nola, Acerra e Marigliano il "triangolo della morte". In questo pezzo di Campania si muore di tumore ben più che nel resto d'Italia, come dimostrano le statistiche degli ultimi anni, se si pensa che in questa zona abitata da oltre mezzo milione di persone l'indice di mortalità per tumore al fegato è altissimo rispetto alla media nazionale. L'agghiacciante reportage pubblicato da Lancet è firmato da un giovane ricercatore di Fisiologia Clinica del Cnr, Alfredo Mazza, 33 anni, di Nola, che oggi denuncia: "Siamo di fronte a un allarme sanitario gravissimo. La questione dei rifiuti nell'Italia meridionale sta raggiungendo proporzioni epiche. "Sì, noi siamo stati ridotti a fare le cavie di un esperimento mostruoso: nelle discariche legali, e soprattutto in quelle “illegali”, sono state sotterrate per circa un ventennio sostanze tossiche, sostanze che poi riemergono e rientrano nella catena alimentare. Dai sali di ammonio ai sali di alluminio, al piombo, ai copertoni che bruciano come un pozzo di petrolio in fiamme e sviluppano sostanze cancerogene. Sepolte in questa zona ci sarebbero anche sostanze radioattive provenienti da rifiuti speciali ospedalieri. Gli effetti sull’uomo sono devastanti: "Di due tipi: malformazioni fetali fino al mancato sviluppo di un organo oppure sviluppo di tumori, sia negli adulti che nei bambini. Gli organi colpiti, vescica, fegato, stomaco sono più sensibili e c'è maggiore probabilità che la sostanza tossica entri all'interno della cellula. Tra i 20 e i 40 anni il rischio leucemie e linfomi è più elevato".




permalink | inviato da il 31/8/2004 alle 21:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


27 agosto 2004

Ciao

"...Mettiamola così: nelle prossime 24 ore ho la possibilità abbastanza concreta di crepare. Ovviamente non succederà - ma, se dovesse succedere, sappiate che sono morto felice facendo quello che più mi piace al mondo: viaggiare in paesi che non hanno mai visto un turista prima di me." Enzo Baldoni

__________________

S   i     l   e   n   z    i  o

______________________________________________________




permalink | inviato da il 27/8/2004 alle 20:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 agosto 2004

Ciao, Fratel Ettore

Settimana scorsa all'età di 76 anni colpito da un male incurabile è deceduto Fratel Ettore, così chiamato il frate Camiliano, che aiutava i poveri di Milano e specialmente ospitati sotto la Stazione Centrale della grande Milano, che all'aiuto dei poveri e degli emarginati poco pensa.
Fratel Ettore era una persona straordinaria, io non ho avuto il piacere di conoscerlo di persona, ma alcuni miei amici si. Mi hanno raccontato di un'Uomo pieno di carità e di Amore verso il prossimo senza confini nè misure, che dava tutto sè stesso per i suoi poveri. Notate non ho mai usato la parola "Barboni", perchè per Fratel Ettore quella parola era una bestemmia, verso le persone più sfortunate; ho letto un'articolo di uno dei suoi ultimi pensieri: "io vado in Cielo e forse adesso vi sarò più di aiuto da lì.....".
Non vuol essere retorica, comunque anche se non ti ho mai conosciuto: grazie Fratel Ettore! E che un giorno ti si annoveri tra i Santi della Chiesa, te lo auguro di tutto cuore.
Comunque per credenti o atei sei sempre stato una Grande Persona, grazie ancora e segui l'Umanità da Lassù, che ne ha tanto bisogno. Ciao.




permalink | inviato da il 23/8/2004 alle 17:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


13 agosto 2004

E poi dicono...

Oggi come oggi andare a fare la spesa è diventata un'impresa economica. Qualcuno ha il coraggio di dire che con l'euro non ci sono stati aumenti; ma dove??? baste vedere nel carrello.
Ti rechi al supercato X prendi appena appena qualcosa da mangiare, due bottiglie d'acqua, 1 litro di latte, 1 scatola di ghiaccioli (col caldo che fa', vi vorrete pure rinfrescare un'attimo) e oplà 35/40 euro come minimo. Quando andavi con le vecchie Lire, non molto tempo fa', prima dell'introduzione degli eurii si degli eurii, le cose costavano meno, voi direte si ma quanto tempo è passato? tutto aumenta. Ma fateci caso questa equivalenza: prima 1000 lire era presa dal mondo del commercio come valore 1; ora come valore 1 è stato preso 1 euro che a conti fatti vale quasi, quasi.... il doppio, bene questa equivalenza ha fatto raddoppiare tutto e non inventino storielle tutti i signori del mondo del commercio.
Dimenticavo, Buon Ferragosto, almeno con un "vecchio e sano" ghiacciolo a rinfrescarci un po' il palato e il cervello a qualcuno.




permalink | inviato da il 13/8/2004 alle 16:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 agosto 2004

Anche l'ONU si ritira

Anche l'Onu si ritirà dalla striscia di Gaza, 19 suoi membri presenti sul territorio vengono mandati via, per mancanza di sicurezza.

Il muro che divide viene eretto sempre più lungo, sempre più oprimente per la gente che vi abita. Esistono forme di terrorismo che vanno debellate, ma un muro che divide credo che serva ben poco... chi vuole passa ugualmente, mentre la gente semplice, i bambini i nonnni, devono pagare una divisione sempre più oprimente umanamente e fisicamente. E anche quando l'ONU lascia da sola quella fiammella che poteva sembrare un briciolo di forza per portare la Pace, sembra venir meno l'interesse di tutto il mondo.




permalink | inviato da il 4/8/2004 alle 21:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia     luglio        settembre

Che il ciel ci aiuti.